Tutti “schedati” con la nuova carta d’identità elettronica che prevede le impronte digitali

di  /   /  0 Commenti A- A A+

fingerprint-255904_960_720Da quest’anno è possibile richiedere la carta d’identità elettronica, altrimenti nota come CIE. Le novità introdotte con il Decreto Ministeriale che attua la legge sono diverse. In particolare, il documento conterrà i dati digitali biometrici, il consenso all’espianto degli organi (che potrà essere sempre revocato), la firma (qualora prevista), e sarà corredata di un codice PIN/PUK.

Tuttavia, l’aspetto inquietante della novità riguarda la presenza nella nuova carte d’identità elettronica delle impronte digitali. Di fatto, verremo tutti schedati qualora richiedessimo questo documento, che certamente fra qualche tempo diverrà l’unico documento d’identità che si potrà richiedere.

Per richiedere il CIE bisogna essere maggiorenni. Per i minori dovranno richiederlo i genitori. I tempi di consegna della CIE sono brevi: appena sei giorni dalla richiesta alla quale – ricordo – è necessario corredare la classica fototessera che verrà inserita nel documento d’identità elettronica.

© 2016 siamoavvocati.it – Note Legali  Commenta
Seguimi su Facebook / Twitter / Iscriviti alla Newsletter

Ancora nessun commento. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti vengono pubblicati a totale ed esclusiva discrezione dell'autore del blog. Ai fini della pubblicazione sarà valutata l'osservanza da parte del commentatore delle seguenti regole e condizioni:
  1. 1. I commenti devono essere o contenere opinioni personali di chi commenta. L'estrapolazione di piccole parti di articoli è permessa ai fini del proprio commento (il quote).
  2. 2. I commenti devono essere sintetici, pertinenti all'articolo, scritti in italiano (possibilmente) corretto e non in maiuscoletto. Ci si si riserva il diritto di tagliare il commento nei punti superflui.
  3. 3. I commenti non devono essere offensivi, razzisti e diffamatori nei confronti di chiunque, e non possono incitare alla violenza e alla discriminazione. Inoltre non devono essere meramente provocatori e inutili.
  4. 4. I commenti non devono offendere l'autore del blog.
  5. I commenti non possono citare, sostenere e supportare notizie acclarate come infondate e false.
  6. 5. I commenti non possono essere intercalati con volgarità.
  7. 6. I commenti non devono essere inseriti per mero fine di auto-pubblicità del proprio sito o per promuovere un prodotto.
  8. 7. È comunque fatto divieto inserire nei commenti link a siti malevoli, spammers, pornografici e pedopornografici.
I commentatori che violano queste norme verranno contrassegnati come spam e i loro commenti non verranno pubblicati.

Software Popolari