Regolamento “bonifica albo”, ex-art. 21, 1 comma L.P. Campagna MGA per il #parerenegativo CNF

di  /   /  0 Commenti A- A A+

10941426_330335777163383_3884021480764245192_nM.G.A. lancia una nuova iniziativa, in vista del parere che il Consiglio Nazionale Forense deve rilasciare sulla bozza di regolamento ex-art. 21, comma 1 L.P., relativa – sappiamo – all’accertamento dell’effettività, continuità, prevalenza della professione forense.

L’OUA ha già dato parere negativo per quanto riguarda il criterio del pagamento dei contributi previdenziali. Secondo l’Organismo Unitario dell’Avvocatura, la previsione violerebbe il disposto di cui all’art. 21, primo comma: e cioè il divieto che l’accertamento faccia riferimento al reddito.

Ma ciò non basta. Nonostante i malumori nel mondo della professione e il parere negativo dell’OUA, il rischio concreto che il Consiglio Nazionale Forense dia parere positivo alla bozza di regolamento è molto alto. Ecco perché M.G.A. ha deciso di lanciare una nuova iniziativa volta a tutelare la libertà autentica della professione, che con questo regolamento verrebbe seriamente messa in pericolo.

Il comunicato della Mobilitazione Generale Avvocati:

E’ inutile girarci intorno: bisogna impedire l’approvazione del regolamento sulla continuità della professione forense.

Si, proprio quello che stabilisce che se non sei in regola con i pagamenti alla Cassa ti cancellano dall’Albo.

L’ Organismo Unitario dell’Avvocatura ha già proposto di eliminare quella norma.

Devi sapere, però, che in base all’art. 1 della  legge professionale, quel regolamento sarà adottato “previo parere del Consiglio Nazionale Forense”.

Noi, come te , vogliamo che quel parere sia negativo.

Non basta volerlo, però: dobbiamo agire!

Per questo  lunedì 9 marzo dobbiamo “bombardare” il Consiglio tutto il giorno!

Metti da parte le “granate”, però…

Ti basta un fax o un account twitter. Un fax da inviare direttamente al Consiglio Nazionale Forense ai nn.ri: 06 97748829  e  06 68897460.

A breve pubblicheremo il testo del fax da spedire

Se i fax ti sono antipatici, manda un tweet con l’hashtag #parerenegativo.

Più alta sarà la nostra pressione, e maggiori saranno le  possibilità di trasformare quella speranza in realtà!

Perciò, se vuoi che il Consiglio dica forte e chiaro che un avvocato non si giudica in base al reddito.

Se pensi che la professione è tua e nessuna Cassa può impedirti di esercitarla.

Se hai capito che l’unico modo per cambiare le cose è partecipare.

Armati di carta, fax e pc e fai sentire il tuo #parerenegativo!

Non ci resta che aderire in massa. Basta davvero poco, ma può essere quel poco che potrebbe fare la grande differenza!

Fonte: M.G.A.

 

© 2015 siamoavvocati.it – Note Legali  Commenta
Seguimi su Facebook / Twitter / Iscriviti alla Newsletter

Ancora nessun commento. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti vengono pubblicati a totale ed esclusiva discrezione dell'autore del blog. Ai fini della pubblicazione sarà valutata l'osservanza da parte del commentatore delle seguenti regole e condizioni:
  1. 1. I commenti devono essere o contenere opinioni personali di chi commenta. L'estrapolazione di piccole parti di articoli è permessa ai fini del proprio commento (il quote).
  2. 2. I commenti devono essere sintetici, pertinenti all'articolo, scritti in italiano (possibilmente) corretto e non in maiuscoletto. Ci si si riserva il diritto di tagliare il commento nei punti superflui.
  3. 3. I commenti non devono essere offensivi, razzisti e diffamatori nei confronti di chiunque, e non possono incitare alla violenza e alla discriminazione. Inoltre non devono essere meramente provocatori e inutili.
  4. 4. I commenti non devono offendere l'autore del blog.
  5. I commenti non possono citare, sostenere e supportare notizie acclarate come infondate e false.
  6. 5. I commenti non possono essere intercalati con volgarità.
  7. 6. I commenti non devono essere inseriti per mero fine di auto-pubblicità del proprio sito o per promuovere un prodotto.
  8. 7. È comunque fatto divieto inserire nei commenti link a siti malevoli, spammers, pornografici e pedopornografici.
I commentatori che violano queste norme verranno contrassegnati come spam e i loro commenti non verranno pubblicati.

Software Popolari