Le 25 domande al presidente Mascherin sull’iniziativa editoriale “Il Dubbio”

di  /   /  0 Commenti A- A A+

Riceviamo e pubblichiamo sul blog la lettera aperta del collega Giuseppe Caravita, indirizzata al presidente Mascherin sull’iniziativa editoriale che vede il lancio di un quotidiano cartaceo generalista chiamato “Il Dubbio” di cui il CNF è il promotore e finanziatore.

Sull’argomento, peraltro, anche l’Associazione Nazionale Forense ha scritto una lettera pubblica al presidente Mascherin nella quale il presidente dell’associazione Pansini espone alcune legittime perplessità in ordine all’iniziativa editoriale.


LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DEL CNF AVVOCATO MASCHERIN:
25 DOMANDE ALLE QUALI VORREMMO RICEVERE RISPOSTE

Caro Presidente,
sono uno di 250.000. Uno dei duecentocinquantamila avvocati che vivono e lavorano in Italia.
Tu invece sei (nella Tua qualità di Presidente del Consiglio Nazionale Forense) IL NUMERO UNO DI 250.000 AVVOCATI CHE VIVONO E LAVORANO IN ITALIA.
Ho appreso che il CNF pubblicherà un quotidiano, chiamato “IL DUBBIO”, e mi vengono spontanee le seguenti domande:
1 – Chi ha deciso questa iniziativa?
2- In quale sede?
3 – Si può avere copia del verbale della decisione?
4 – Chi ha deciso per il cartaceo, atteso che il nostro mondo si indirizza verso il telematico?
5 – Perchè un quotidiano e non un mensile, per esempio?
6 – Quali saranno le specifiche tecniche del giornale? Formato, grammatura della carta, impostazione grafica?
7 – In quali capitoli del bilancio verranno appostate queste voci di spesa?
8 – Con quali criteri è stato scelto il Direttore?
9 – Esiste un Comitato Scientifico di Controllo? Se si, chi ne fa parte? E con quali criteri è stato scelto?
10 – Chi farà parte della Redazione?
11 – Con quali criteri è stato scelto?
12 – Quanti redattori avrà il dubbio?
13 – Lavoreranno gratis o saranno assunti?
14 – Quale tipografia stamperà il giornale?
15 – Con quale criterio è stata scelta? E’ stata fatta una gara di appalto?
16 – Quale società provvederà alla distribuzione? A quali condizioni? E’ stata fatta una gara di appalto per la sua scelta?
17 – Quale sarà il prezzo di copertina?
18 – Quali costi si pensano di coprire con il prezzo di copertina?
19 – Quante copie verranno stampate?
20 – Come verrà gestta la resa dell’invenduto?
21 – E’ prevista pubblicità a pagamento?
22 – Se si, a quale società è stata affidata la raccolta pubblicitaria? E a tale proposito è stata fatta una gara di appalto?
23 – Non era opportuno uscire con un numero “zero”, come tutte le iniziative editoriali?
24 – Quali saranno gli argomenti trattati?
25 – Che voce verrà data al profondo dissenso che viene dalle classi più deboli della avvocatura?
Queste sono alcune delle domande, dei dubbi che mi sorgono spontanei.
Credo che sia un dovere del Consiglio Nazionale Forense fornire delle risposte.
Molti saluti
Avvocato Giuseppe Caravita di Toritto

© 2016 siamoavvocati.it – Note Legali  Commenta
Seguimi su Facebook / Twitter / Iscriviti alla Newsletter

Archiviato in: Senza categoria  /  Tags: , , , , , , ,

Ancora nessun commento. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti vengono pubblicati a totale ed esclusiva discrezione dell'autore del blog. Ai fini della pubblicazione sarà valutata l'osservanza da parte del commentatore delle seguenti regole e condizioni:
  1. 1. I commenti devono essere o contenere opinioni personali di chi commenta. L'estrapolazione di piccole parti di articoli è permessa ai fini del proprio commento (il quote).
  2. 2. I commenti devono essere sintetici, pertinenti all'articolo, scritti in italiano (possibilmente) corretto e non in maiuscoletto. Ci si si riserva il diritto di tagliare il commento nei punti superflui.
  3. 3. I commenti non devono essere offensivi, razzisti e diffamatori nei confronti di chiunque, e non possono incitare alla violenza e alla discriminazione. Inoltre non devono essere meramente provocatori e inutili.
  4. 4. I commenti non devono offendere l'autore del blog.
  5. I commenti non possono citare, sostenere e supportare notizie acclarate come infondate e false.
  6. 5. I commenti non possono essere intercalati con volgarità.
  7. 6. I commenti non devono essere inseriti per mero fine di auto-pubblicità del proprio sito o per promuovere un prodotto.
  8. 7. È comunque fatto divieto inserire nei commenti link a siti malevoli, spammers, pornografici e pedopornografici.
I commentatori che violano queste norme verranno contrassegnati come spam e i loro commenti non verranno pubblicati.

Software Popolari