La proposta. Contributi figurativi per gli avvocati in difficoltà

di  /   /  0 Commenti A- A A+

Nizza_Monferrato-insegna_storica_INPSLe strade per uscire da questa situazione sono molteplici ma alcune impraticabili come sarebbe un eventuale condono, totale o parziale, delle omissioni contributive. Se non si vuole usare la leva contributiva per sfoltire il numero, debordante, dell’Avvocatura italiana, la soluzione a me pare piuttosto semplice e consiste nell’applicare, dopo averla fatta propria, la normativa INPS in materia di contributi figurativi.

In alcuni periodi in cui l’avvocato non può svolgere la normale attività lavorativa (per malattia, maternità) o per i periodi nei quali, pur svolgendola non riesce a ritrarre un reddito sufficiente, viene meno per il datore di lavoro, e l’avvocato è datore di lavoro di se stesso, l’obbligo di versare i relativi contributi previdenziali. Per garantire comunque ai lavoratori la copertura assicurativa e il diritto alla pensione, la legge prevede che l’INPS, nel nostro dovrebbe essere Cassa Forense, accrediti sul conto assicurativo dei lavoratori – avvocati tali contributi.

Le risorse economiche potrebbero essere in parte tratte dal Fondo assistenziale e in parte con uno stanziamento ad hoc limitando il beneficio al massimo di 5 anni durante tutta l’attività lavorativa.

Si tratta di fare due conti dei relativi costi adeguando la normativa alla specificità della nostra professione. I contributi figurativi sono contributi “fittizi” cioè non versati né dal datore di lavoro né dal lavoratore che vengono accreditati dall’INPS sul conto assicurativo del lavoratore per periodi in cui si è verificata una interruzione o una riduzione dell’attività lavorativa e di conseguenza non c’è stato il versamento dei contributi obbligatori da parte del datore di lavoro.

Nella legge di stabilità appena approvata ve ne è un esempio laddove si è prevista la possibilità del part time agevolato per favorire il ricambio in azienda. La misura riguarda i lavoratori del settore privato a cui mancano tre anni alla pensione di vecchiaia; la legge di stabilità prevede: orario dimezzato, 65% del salario e 100% della pensione al raggiungimento dell’età, con contributi figurativi garantiti dallo Stato.

Articolo pubblicato su Diritto & Giustizia

© 2016 siamoavvocati.it – Note Legali  Commenta
Seguimi su Facebook / Twitter / Iscriviti alla Newsletter

Ancora nessun commento. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti vengono pubblicati a totale ed esclusiva discrezione dell'autore del blog. Ai fini della pubblicazione sarà valutata l'osservanza da parte del commentatore delle seguenti regole e condizioni:
  1. 1. I commenti devono essere o contenere opinioni personali di chi commenta. L'estrapolazione di piccole parti di articoli è permessa ai fini del proprio commento (il quote).
  2. 2. I commenti devono essere sintetici, pertinenti all'articolo, scritti in italiano (possibilmente) corretto e non in maiuscoletto. Ci si si riserva il diritto di tagliare il commento nei punti superflui.
  3. 3. I commenti non devono essere offensivi, razzisti e diffamatori nei confronti di chiunque, e non possono incitare alla violenza e alla discriminazione. Inoltre non devono essere meramente provocatori e inutili.
  4. 4. I commenti non devono offendere l'autore del blog.
  5. I commenti non possono citare, sostenere e supportare notizie acclarate come infondate e false.
  6. 5. I commenti non possono essere intercalati con volgarità.
  7. 6. I commenti non devono essere inseriti per mero fine di auto-pubblicità del proprio sito o per promuovere un prodotto.
  8. 7. È comunque fatto divieto inserire nei commenti link a siti malevoli, spammers, pornografici e pedopornografici.
I commentatori che violano queste norme verranno contrassegnati come spam e i loro commenti non verranno pubblicati.

Software Popolari