Archivio per Etichetta:socio capitale

Libertà professionale addio? Una riflessione tra il preventivo obbligatorio e il socio di capitale

di  •   •  Replica

La scelta di esercitare la professione forense un tempo era dovuta al desiderio di svolgere un lavoro di libertà e prestigio. Soprattutto all’idea che si esercitava un ruolo fondamentale e determinante nella società, e che questo ruolo concretizzava la libertà del cittadino, di cui la libertà e l’indipendenza dell’avvocato non erano altro che il fulgido riflesso…. Leggi di più →

Liberalizzare la professione forense significa eliminare ogni ostacolo reale al suo esercizio

di  •   •  Replica

Non sono mai stato d’accordo con il socio di capitale nelle società di avvocati. Come ho più volte scritto, trattasi di un meccanismo che potrebbe compromettere il ruolo costituzionale dell’avvocato nell’esercizio del diritto di difesa del cittadino. Questo perché il socio di capitale investe il proprio denaro per trarre profitto dall’attività. E non sempre l’attività legale… Leggi di più →

Stati generali OUA. Gli avvocati dicono no al socio di capitale

di  •   •  Replica

Ho sempre sostenuto che l’ingresso negli studi legali di meri soci di capitale sia assolutamente improponibile. L’attività legale non è un’attività come un’altra. Gli avvocati non progettano palazzi (con il massimo rispetto per chi lo fa), ma esercitano un’attività prevista dalla Costituzione e che dalla Costituzione è considerata irrinunciabile: tutelare e difendere il cittadino. Il socio di capitale… Leggi di più →

Quando il DDL Concorrenza è un attacco alle libere professioni

di  •   •  3 commenti

Pubblico un interessante intervento dell’avv. Antonino Maria Cremona, pubblicato sul sito dell’ANAI (Associazione Italiana Avvocati Italiani), che dà una sua personale interpretazione sulle norme del DDL liberalizzazioni che incidono sulle libere professioni, e in particolar modo la professione legale. Gentili colleghi della mia e di diversa professionalità, spero molto che le professioni e per prima… Leggi di più →

DDL Concorrenza. Continua l’opera di demolizione della professione di avvocato

di  •   •  4 commenti

Ricorderemo il Governo Renzi, come il demolitore della professione forense. Il paradosso è che se da una parte questo governo non ha cancellato le norme che impongono l’esercizio della professione in base al reddito (vedasi art. 21 L.P.), mettendo in croce più di cinquantamila avvocati e stabilendo altresì criteri per l’esercizio effettivo della professione assai… Leggi di più →