Archivio per Etichetta:Opinioni

L’avvocatura: una categoria in coma profondo. Il punto

di  •   •  Replica

Sappiamo perfettamente che la professione di avvocato non è come una qualsiasi altra libera professione, e non lo è perché il ruolo dell’avvocato nell’economia processuale è fondamentale ed è strumento di attuazione dell’irrinunciabile principio della corretta e imparziale somministrazione della giustizia. Eppure, nonostante (o a causa di) questa consapevolezza, presente a ogni livello, da anni ormai si assiste… Leggi di più →

Se il Governo beffa gli avvocati: niente compensazione tra cassa e gratuito patrocinio

di  •   •  Replica

E’ letteralmente sfumata la possibilità che i contributi previdenziali dovuti a Cassa Forense potessero essere compensati con i crediti derivanti dall’assistenza con patrocinio a spese dello Stato. Lo ha precisato la stessa Cassa Forense attraverso un comunicato ufficiale a firma del suo presidente Nunzio Luciano. Si tratta – riferisce il comunicato – di un’errata interpretazione… Leggi di più →

Se diventare cassazionisti è ormai un’opportunità per pochi

di  •   •  Replica

Restringere i margini di manovra e crescita professionale per gli avvocati. Sembra essere questo l’obiettivo primario delle tanto evocate riforme della professione forense che si sono avvicendate in questi anni. Così, se da una parte si tenta di liberalizzare e commercializzare la prestazione professionale dell’avvocato, rendendola figlia legittima delle logiche del mercato, dall’altra si restringono… Leggi di più →

Ah, Palazzaccio mio, che ti tocca vedere!

di  •   •  Replica

Pubblichiamo questa bellissima riflessione del collega Giuseppe Caravita. “Ah, Palazzaccio mio, che ti tocca vedere…avvocati che minacciano con il coltello il cliente, avvocati che si imbucano ai cenoni di Capodanno facendo finta di essere raccomandati dalla Guardia di Finanza… e io che ti sogno immerso nel blu della notte capitolina, io che venivo da te… Leggi di più →

Archiviato in: Senza categoria  •  Tags: , , , , ,

La proposta. Contributi figurativi per gli avvocati in difficoltà

di  •   •  Replica

Le strade per uscire da questa situazione sono molteplici ma alcune impraticabili come sarebbe un eventuale condono, totale o parziale, delle omissioni contributive. Se non si vuole usare la leva contributiva per sfoltire il numero, debordante, dell’Avvocatura italiana, la soluzione a me pare piuttosto semplice e consiste nell’applicare, dopo averla fatta propria, la normativa INPS in… Leggi di più →