Archivio per Etichetta:inps

Gli avvocati che devono pagare i contributi all’INPS per gli anni 2004-2006

di  •   •  Replica

L’INPS ha iscritto d’ufficio alla gestione separata quegli avvocati che nel 2006 hanno dichiarato tra i 5 mila e i 20 mila euro, e coloro che nel 2004 e nel 2005, hanno avuto un reddito superiore ai 5 mila euro, i quali non hanno pagato il contributo soggettivo. L’iscrizione – così riporta il quotidiano Il Dubbio… Leggi di più →

Che fine fanno i contributi versati alla Gestione Separata INPS?

di  •   •  Replica

La domanda è: dove diamine vanno a finire i contributi che gli avvocati ante-obbligo di iscrizione alla Cassa Forense e i praticanti hanno versato nella gestione separata INPS? Verrebbe spontaneo rispondere che quegli anni di contributi versati nelle casse dell’INPS saranno comunque utili ai fini della pensione del libero professionista. Peccato che non sia così. La legge infatti non… Leggi di più →

La proposta. Contributi figurativi per gli avvocati in difficoltà

di  •   •  Replica

Le strade per uscire da questa situazione sono molteplici ma alcune impraticabili come sarebbe un eventuale condono, totale o parziale, delle omissioni contributive. Se non si vuole usare la leva contributiva per sfoltire il numero, debordante, dell’Avvocatura italiana, la soluzione a me pare piuttosto semplice e consiste nell’applicare, dopo averla fatta propria, la normativa INPS in… Leggi di più →

Cassazione. L’ente per il quale l’avvocato lavora deve pagargli l’iscrizione annuale all’albo

di  •   •  Replica

Gli avvocati che esercitano l’attività forense in via esclusiva a favore di un ente pubblico, diventando di fatto “dipendenti” del medesimo, hanno il diritto a che l’ente per cui lavorano paghi in vece loro il contributo annuale di iscrizione all’albo speciale in cui sono iscritti. Lo afferma la Corte di Cassazione con la sentenza n. 7776/2015, del… Leggi di più →

#annullaAutogol! Con gli avvocati, Twitter Bombing su Renzi contro l’iniquità previdenziale

di  •   •  Replica

Sappiamo che il 2015 è l’anno dei rincari previdenziali. Per gli avvocati l’amara sorpresa è arrivata un po’ prima, con il famigerato art. 21 L.P. e il suo regolamento, che ha vietato un’alternativa previdenziale, obbligando tutti gli iscritti all’albo a iscriversi a Cassa Forense, dove li attendeva (e li attende) la contribuzione minima obbligatoria slegata… Leggi di più →