Esame avvocato. Le domande saranno estratte da un database nazionale

di  /   /  0 Commenti A- A A+

esami-di-stato-2011Qualche tempo fa ho parlato del rinvio di due anni dell’attuazione della norma che prevede all’esame scritto di avvocato solo l’utilizzo dei codici non commentati con la giurisprudenza. L’intento selettivo è chiaro, ma il legislatore ha ritenuto opportuno rinviare ancora l’attuazione della norma. 

In questi giorni invece circola un’altra norma, relativa in questo caso all’esame orale. La bozza di regolamento prevede che all’esame orale si facciano domande prelevate da un database nazionale ed estratte per mezzo di un sistema informatico.  Secondo la bozza, le domande dovranno essere verbalizzate, al fine di garantire la trasparenza ed evitare così ombre e dubbi sulla correttezza dell’esame.

Nella bozza di regolamento poi sono state previste misure “anti-copioni”. In particolare è stato previsto che i locali adibiti all’esame dovranno essere appositamente schermati per impedire il propagarsi della rete wifi e delle reti di telefonia, onde evitare che i candidati possano reperire in rete le soluzioni dei compiti. La cui correzione verrà puntualmente verbalizzata, con la valutazione negativa sinteticamente motivata.

Infine, sono stati previsti maggiori controlli sui candidati, al fine di evitare l’introduzione di oggetti che possano falsare la prova, ed è stata prevista l’assegnazione del banco, tramite estrazione a sorte.

© 2015 siamoavvocati.it – Note Legali  Commenta
Seguimi su Facebook / Twitter / Iscriviti alla Newsletter

Ancora nessun commento. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti vengono pubblicati a totale ed esclusiva discrezione dell'autore del blog. Ai fini della pubblicazione sarà valutata l'osservanza da parte del commentatore delle seguenti regole e condizioni:
  1. 1. I commenti devono essere o contenere opinioni personali di chi commenta. L'estrapolazione di piccole parti di articoli è permessa ai fini del proprio commento (il quote).
  2. 2. I commenti devono essere sintetici, pertinenti all'articolo, scritti in italiano (possibilmente) corretto e non in maiuscoletto. Ci si si riserva il diritto di tagliare il commento nei punti superflui.
  3. 3. I commenti non devono essere offensivi, razzisti e diffamatori nei confronti di chiunque, e non possono incitare alla violenza e alla discriminazione. Inoltre non devono essere meramente provocatori e inutili.
  4. 4. I commenti non devono offendere l'autore del blog.
  5. I commenti non possono citare, sostenere e supportare notizie acclarate come infondate e false.
  6. 5. I commenti non possono essere intercalati con volgarità.
  7. 6. I commenti non devono essere inseriti per mero fine di auto-pubblicità del proprio sito o per promuovere un prodotto.
  8. 7. È comunque fatto divieto inserire nei commenti link a siti malevoli, spammers, pornografici e pedopornografici.
I commentatori che violano queste norme verranno contrassegnati come spam e i loro commenti non verranno pubblicati.

Software Popolari