Dal 10 luglio al via l’elenco nazionale dei difensori d’ufficio. I requisiti per essere iscritti

di  /   /  0 Commenti A- A A+

Non apprezzo la recente riforma delle difese d’ufficio, benché sia consapevole che necessitava di un aggiustamento. La verità è che la riforma, entrata in vigore a gennaio, rende più difficile diventare difensori d’ufficio, escludendo soprattutto i neo-avvocati e chi intende farsi le ossa nel procedimento penale. Di fatto favorisce gli avvocati di lungo corso e chi ha le possibilità economiche di fare i corsi richiesti per diventare difensore d’ufficio e specialista in diritto penale.

In ogni caso, il 10 luglio entrerà in vigore l’albo nazionale previsto dalla norma di legge. Chi è già difensore d’ufficio per un anno può stare tranquillo, perché verrà iscritto di diritto. Dopo l’anno però anch’egli dovrà dimostrare di possedere (alternativamente) i requisiti richiesti dalla legge per l’iscrizione e per permanere nell’albo:

  • Iscrizione nell’Albo da almeno 5 anni (continuativi) e comprovata esperienza in materia penale (con apposita documentazione).
  • Un corso biennale di almeno 90 ore in materia penale più l’esame finale entro due anni (anche per i praticanti avvocati).
  • Titolo specialistico in materia penale.

La domanda di iscrizione all’albo va presentata al COA di appartenenza entro due anni dal superamento della idoneità, oppure in ogni momento presentando l’idonea documentazione. Il COA, entro 30 giorni, trasmette il parere al CNF sulla sussistenza dei requisiti. Contro il diniego di iscrizione è possibile fare opposizione. Chi è già iscritto nell’albo dei difensori d’ufficio, ogni anno (entro il 31 dicembre) deve invece presentare domanda di permanenza, dimostrando il possesso attuale dei requisiti. La procedura è identica per la presentazione della domanda di iscrizione. L’avvocato non deve avere riportato sanzioni disciplinari superiori all’avvertimento.

Infine, i parametri di nomina dei difensori d’ufficio vengono fissati dal CNF ogni anno, e dovranno tenere conto della prossimità dell’avvocato rispetto all’ufficio giudiziario, la sua reperibilità e le competenze specifiche (es. procedimento militare o minorile).

© 2015 siamoavvocati.it – Note Legali  Commenta
Seguimi su Facebook / Twitter / Iscriviti alla Newsletter

Ancora nessun commento. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti vengono pubblicati a totale ed esclusiva discrezione dell'autore del blog. Ai fini della pubblicazione sarà valutata l'osservanza da parte del commentatore delle seguenti regole e condizioni:
  1. 1. I commenti devono essere o contenere opinioni personali di chi commenta. L'estrapolazione di piccole parti di articoli è permessa ai fini del proprio commento (il quote).
  2. 2. I commenti devono essere sintetici, pertinenti all'articolo, scritti in italiano (possibilmente) corretto e non in maiuscoletto. Ci si si riserva il diritto di tagliare il commento nei punti superflui.
  3. 3. I commenti non devono essere offensivi, razzisti e diffamatori nei confronti di chiunque, e non possono incitare alla violenza e alla discriminazione. Inoltre non devono essere meramente provocatori e inutili.
  4. 4. I commenti non devono offendere l'autore del blog.
  5. I commenti non possono citare, sostenere e supportare notizie acclarate come infondate e false.
  6. 5. I commenti non possono essere intercalati con volgarità.
  7. 6. I commenti non devono essere inseriti per mero fine di auto-pubblicità del proprio sito o per promuovere un prodotto.
  8. 7. È comunque fatto divieto inserire nei commenti link a siti malevoli, spammers, pornografici e pedopornografici.
I commentatori che violano queste norme verranno contrassegnati come spam e i loro commenti non verranno pubblicati.

Software Popolari