Cassa Forense. Le novità sul ricorso A.Gi.For contro il regolamento previdenza ex-art. 21 L.P.

di  /   /  1 commento A- A A+

Riporto il comunicato A.Gi.For relativo allo stato del ricorso proposto dall’associazione contro il regolamento previdenziale ex-art. 21, comma 8 e 9 della legge professionale, che – ricordo – prevede da una parte l’iscrizione obbligatoria a Cassa Forense e dall’altra la previsione di minimi contributivi slegati dal reddito.

Il ricorso è stato presentato da A.Gi.For all’indomani dell’entrata in vigore del regolamento, che ha comportato l’iscrizione d’ufficio di circa 50 mila avvocati sottoreddito, imponendo loro il pagamento dei contributi minimi a prescindere dal fatturato dichiarato.

E’ vero che poi il regolamento prevede una serie di agevolazioni, come è stato spiegato anche su questo blog, ma è anche vero che comunque le stesse non eliminano il sospetto sulla piena illegittimità della legge professionale e del regolamento emanato, per violazione di una serie di norme comunitarie e costituzionali. Per tale ragione, A.Gi.For ha presentato il ricorso che pende ora al TAR.

L’A.Gi.For. informa le Colleghe e i Colleghi che per il Ricorso (R.G. n° 13450/2014 Tar Lazio) proposto dall’Associazione Giovanile Forense – con il contributo e il sostegno di Avvocatura Libera di Lecce (gruppo FB “No alla Cassa Forense Obbligatoria”) – avverso il Regolamento attuativo ex art. 21, commi 8 e 9, Legge n° 247/2012 emanato dalla Cassa Forense sono stati in data odierna – 6 marzo 2015 – depositati i seguenti atti: 1) istanza motivata di fissazione d’udienza e 2) istanza motivata di prelievo. La Dirigenza Agifor ha, altresì, sollecitato presso il Competente Ufficio un attento esame delle istanze depositate e una fissazione dell’udienza di merito la più prossima possibile. Per quanto attiene al Deposito dei Motivi Aggiunti che non risulta ancora visionabile come attività espletata sul Registro Telematico del sito Giustizia-Amministrativa.it (per il qual fatto sono state elaborate financo teorie complottiste) si precisa che le notificazioni dei Motivi Aggiunti ai Resistenti (Ministero del Lavoro, della Giustizia, dell’Economia e delle Finanze, Cassa Forense, CNF) sono state regolarmente eseguitee che per il TEMPESTIVO DEPOSITO di essi MOTIVI AGGIUNTI il termine da prendere in considerazione è 30 giorni dal ritorno dell’ultima cartolina di notificazione, di talché si è in attesa del ricevimento della cartolina di ritorno dell’ultima notificazione effettuata per la loro rituale presentazione. Cordiali saluti. Il Direttivo A.Gi.For.

© 2015 siamoavvocati.it – Note Legali  Commenta
Seguimi su Facebook / Twitter / Iscriviti alla Newsletter

Una opinione su “Cassa Forense. Le novità sul ricorso A.Gi.For contro il regolamento previdenza ex-art. 21 L.P.” ↓

Reazioni: 1 commento e 0 pings per questo articolo

  1. di tavoni riccardo /

    Ma quale lo stato delle cose oggi ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti vengono pubblicati a totale ed esclusiva discrezione dell'autore del blog. Ai fini della pubblicazione sarà valutata l'osservanza da parte del commentatore delle seguenti regole e condizioni:
  1. 1. I commenti devono essere o contenere opinioni personali di chi commenta. L'estrapolazione di piccole parti di articoli è permessa ai fini del proprio commento (il quote).
  2. 2. I commenti devono essere sintetici, pertinenti all'articolo, scritti in italiano (possibilmente) corretto e non in maiuscoletto. Ci si si riserva il diritto di tagliare il commento nei punti superflui.
  3. 3. I commenti non devono essere offensivi, razzisti e diffamatori nei confronti di chiunque, e non possono incitare alla violenza e alla discriminazione. Inoltre non devono essere meramente provocatori e inutili.
  4. 4. I commenti non devono offendere l'autore del blog.
  5. I commenti non possono citare, sostenere e supportare notizie acclarate come infondate e false.
  6. 5. I commenti non possono essere intercalati con volgarità.
  7. 6. I commenti non devono essere inseriti per mero fine di auto-pubblicità del proprio sito o per promuovere un prodotto.
  8. 7. È comunque fatto divieto inserire nei commenti link a siti malevoli, spammers, pornografici e pedopornografici.
I commentatori che violano queste norme verranno contrassegnati come spam e i loro commenti non verranno pubblicati.

Software Popolari