L’avvocato schedato. Il regolamento sugli albi, gli elenchi e i registri

di  /   /  0 Commenti A- A A+

avvocato-schedato-albi-elenchi-registriIl 27 settembre 2016 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (n. 213), il regolamento recante le disposizioni per la tenuta e l’aggiornamento di albi, elenchi e registri da parte dei Consigli dell’ordine degli avvocati che prevede una serie di novità. Viene, in primo luogo, istituito il sistema informatico centrale nel quale confluiranno i dati indicati negli articoli successivi, e poi vengono disciplinati tutti gli eventi connessi alla gestione e alla tenuta degli albi, dei registri e degli elenchi.

In particolare, l’art. 2 del regolamento, prevede l’inserimento nell’albo degli avvocati di una serie di dati ulteriori del professionista, quali per esempio le eventuali specializzazioni, il sito web a lui riconducibile (o riconducibile alla società di avvocati o allo studio), le lingue straniere conosciute, l’iscrizione nell’elenco dei difensori d’ufficio e degli abilitati alle giurisdizioni superiori, l’iscrizione nell’elenco dei difensori abilitati al patrocinio a spese dello Stato.

L’art. 3 stabilisce che negli elenchi di cui all’art. 15, comma 1, della legge sono contenuti i dati relativi ai requisiti previsti dalla legge per l’iscrizione, nonché i dati contenuti negli albi, e quelli ulteriormente indicati nel medesimo articolo 3, tra i quali l’area di specializzazione in cui è stato conseguito il titolo e la data e la causa di sospensione ovvero la data di cancellazione per mancanza dell’esercizio effettivo, continuativo, abituale e prevalente della professione, per l’elenco di cui all’art. 15, comma 1, lettera e), della legge.

L’art. 4 invece si occupa del registro dei praticanti, mentre l’art. 5 disciplina le modalità di tenuta e di revisione degli albi, dei registri e degli elenchi. In particolare, è stabilito che questi dovranno essere tenuti esclusivamente in modalità informatica. I COA potranno avvalersi dei loro sistemi informatici, a patto che siano dotati di tutte le funzionalità prescritte dal regolamento con riguardo al sistema informatico centrale e che abbiano basi di dati interconnesse con la base di dati del predetto sistema informatico centrale. Infine, nel caso di revisione dell’albo, l’iscritto interessato ha diritto di essere avvisato a mezzo di posta elettronica certificata o posta raccomandata con avviso di ricevimento. Entro dieci giorni dalla comunicazione, egli potrà eventualmente presentare osservazioni.

I successivi articoli del regolamento disciplinano l’iscrizione, la cancellazione dall’albo e dai registri e dagli elenchi, il trasferimento dell’avvocato e infine, le modalità di impugnazione delle delibere in materia di elenchi e registri.

Da qui potete leggere e scaricare il regolamento

© 2016 siamoavvocati.it – Note Legali  Commenta
Seguimi su Facebook / Twitter / Iscriviti alla Newsletter

Archiviato in: Legge Forense  /  Tags: , , , ,

Ancora nessun commento. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti vengono pubblicati a totale ed esclusiva discrezione dell'autore del blog. Ai fini della pubblicazione sarà valutata l'osservanza da parte del commentatore delle seguenti regole e condizioni:
  1. 1. I commenti devono essere o contenere opinioni personali di chi commenta. L'estrapolazione di piccole parti di articoli è permessa ai fini del proprio commento (il quote).
  2. 2. I commenti devono essere sintetici, pertinenti all'articolo, scritti in italiano (possibilmente) corretto e non in maiuscoletto. Ci si si riserva il diritto di tagliare il commento nei punti superflui.
  3. 3. I commenti non devono essere offensivi, razzisti e diffamatori nei confronti di chiunque, e non possono incitare alla violenza e alla discriminazione. Inoltre non devono essere meramente provocatori e inutili.
  4. 4. I commenti non devono offendere l'autore del blog.
  5. I commenti non possono citare, sostenere e supportare notizie acclarate come infondate e false.
  6. 5. I commenti non possono essere intercalati con volgarità.
  7. 6. I commenti non devono essere inseriti per mero fine di auto-pubblicità del proprio sito o per promuovere un prodotto.
  8. 7. È comunque fatto divieto inserire nei commenti link a siti malevoli, spammers, pornografici e pedopornografici.
I commentatori che violano queste norme verranno contrassegnati come spam e i loro commenti non verranno pubblicati.

Software Popolari