#annullaAutogol! Con gli avvocati, Twitter Bombing su Renzi contro l’iniquità previdenziale

di  /   /  0 Commenti A- A A+

annullautogolSappiamo che il 2015 è l’anno dei rincari previdenziali. Per gli avvocati l’amara sorpresa è arrivata un po’ prima, con il famigerato art. 21 L.P. e il suo regolamento, che ha vietato un’alternativa previdenziale, obbligando tutti gli iscritti all’albo a iscriversi a Cassa Forense, dove li attendeva (e li attende) la contribuzione minima obbligatoria slegata dal reddito.

Ma questa è storia nota. Quel che è certo è che non se la passano bene anche le altre categorie professionali e i cosiddetti freelance, che non avendo una propria cassa, sono obbligati a iscriversi alla gestione separata INPS. Per loro, il governo Renzi, ha riservato un aggravio dei contributi previdenziali, nella misura del 30,72%. Non si tratta di un contributo previdenziale fisso, ma manca poco.

L’aspetto curioso è che poi il Governo Renzi si è accorto della gaffe fiscale, tanto che sia il Presidente del Consiglio, sia il ministro del Lavoro Poletti hanno ripetutamente promesso un intervento di correzione. Senonché di questo intervento correttivo ancora non c’è traccia.

Da qui l’idea di un Twitter Bombing, organizzato da ACTA (Associazione dei Freelance). Un’alluvione di messaggi Twitter con l’hashtag #annullaAutogol!, da lanciare tra le 13 e le 14, alla quale parteciperà anche siamoavvocati.it, dal suo profilo twitter. All’iniziativa aderirà anche il Movimento Generale degli Avvocati (MGA), così come ha dichiarato Gerardo Romei. In ogni caso, tutti gli avvocati e tutte le associazioni e i gruppi sono invitati a partecipare. Perché la battaglia è di tutti. Non solo dei freelance.

© 2015 siamoavvocati.it – Note Legali  Commenta
Seguimi su Facebook / Twitter / Iscriviti alla Newsletter

Ancora nessun commento. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti vengono pubblicati a totale ed esclusiva discrezione dell'autore del blog. Ai fini della pubblicazione sarà valutata l'osservanza da parte del commentatore delle seguenti regole e condizioni:
  1. 1. I commenti devono essere o contenere opinioni personali di chi commenta. L'estrapolazione di piccole parti di articoli è permessa ai fini del proprio commento (il quote).
  2. 2. I commenti devono essere sintetici, pertinenti all'articolo, scritti in italiano (possibilmente) corretto e non in maiuscoletto. Ci si si riserva il diritto di tagliare il commento nei punti superflui.
  3. 3. I commenti non devono essere offensivi, razzisti e diffamatori nei confronti di chiunque, e non possono incitare alla violenza e alla discriminazione. Inoltre non devono essere meramente provocatori e inutili.
  4. 4. I commenti non devono offendere l'autore del blog.
  5. I commenti non possono citare, sostenere e supportare notizie acclarate come infondate e false.
  6. 5. I commenti non possono essere intercalati con volgarità.
  7. 6. I commenti non devono essere inseriti per mero fine di auto-pubblicità del proprio sito o per promuovere un prodotto.
  8. 7. È comunque fatto divieto inserire nei commenti link a siti malevoli, spammers, pornografici e pedopornografici.
I commentatori che violano queste norme verranno contrassegnati come spam e i loro commenti non verranno pubblicati.

Software Popolari