A Roma ci sono più avvocati che in Francia? Una bufala smentita dai dati

di  /   /  0 Commenti A- A A+

avocats_2_1Quante volte l’avete sentita dire? Una infinità di volte, e alla fine è diventata una verità. E’ noto che una affermazione falsa o comunque imprecisa, ripetuta tante volte diventa, alla fine, una verità assoluta.

In realtà trattasi di una BUFALA. Nel bilancio della Cassa Forense francese si dice solo che il rapporto avvocato per abitante in Francia è in assoluto il più basso dei “paesi più vicini” e cioè 84 per 100.000 abitanti. In Germania il rapporto è 191 per 100.000 abitanti , in Belgio 167; Lussemburgo: 359, Italia 270 e Spagna 278.

Come si vede con i nostri 270 per 100mila abitanti siamo più o meno nella media degli altri paesi. Il rapporto per abitante, d’altra parte, non dice molto, poiché bisogna analizzare il tipo di economia, altrimenti gli avvocati del Lussemburgo dovrebbero essere alla fame!! Il nostro paese ha tante piccole e medie imprese, e tanti piccoli proprietari d’immobili (per non parlare della criminalità) e dunque ci può stare che abbia “tanti avvocati”. Inoltre il paragone con la Francia non è possibile, perché la Francia ha una testa enorme che è Parigi, la quale è come per noi Roma, Milano, Torino e Napoli messe insieme. Non a caso leggendo le fonti citate ho trovato che su un totale di 60mila avvocati francesi quasi la metà sta a Parigi e l’altra metà in Provincia (per i francesi la provincia è tutto il resto della Francia).

Dunque quando si dice che a Roma ci sono più avvocati che in Francia o si dice una bufalata (perché a Roma siamo in 24mila circa, fonte l’ultimo bilancio dell’ordine) oppure ci si vuole riferire alla “Provincia Francese”. Ma, come ho detto, allora il confronto è fuorviante, poiché  il cuore pulsante economico-culturale-politico della Francia è Parigi e non la provincia.

Fonti:

© 2016 siamoavvocati.it – Note Legali  Commenta
Seguimi su Facebook / Twitter / Iscriviti alla Newsletter

Archiviato in: Senza categoria  /  Tags: , , , , ,

Ancora nessun commento. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti vengono pubblicati a totale ed esclusiva discrezione dell'autore del blog. Ai fini della pubblicazione sarà valutata l'osservanza da parte del commentatore delle seguenti regole e condizioni:
  1. 1. I commenti devono essere o contenere opinioni personali di chi commenta. L'estrapolazione di piccole parti di articoli è permessa ai fini del proprio commento (il quote).
  2. 2. I commenti devono essere sintetici, pertinenti all'articolo, scritti in italiano (possibilmente) corretto e non in maiuscoletto. Ci si si riserva il diritto di tagliare il commento nei punti superflui.
  3. 3. I commenti non devono essere offensivi, razzisti e diffamatori nei confronti di chiunque, e non possono incitare alla violenza e alla discriminazione. Inoltre non devono essere meramente provocatori e inutili.
  4. 4. I commenti non devono offendere l'autore del blog.
  5. I commenti non possono citare, sostenere e supportare notizie acclarate come infondate e false.
  6. 5. I commenti non possono essere intercalati con volgarità.
  7. 6. I commenti non devono essere inseriti per mero fine di auto-pubblicità del proprio sito o per promuovere un prodotto.
  8. 7. È comunque fatto divieto inserire nei commenti link a siti malevoli, spammers, pornografici e pedopornografici.
I commentatori che violano queste norme verranno contrassegnati come spam e i loro commenti non verranno pubblicati.

Software Popolari